Skip to main content

Organizzatore

Associazione Concerti
Telefono
0931 966 466
Email
info@notomusicafestival.com

Luogo

Salone delle Feste - Palazzo Nicolaci
Noto, SR
QR Code

Data

Gen 30 2022
Expired!

Ora

7:00 pm

Costo

€7.00

Alla riscoperta dei classici – Dario Emanuele Aricò

Domenico Scarlatti
Sonata in do maggiore K159 – L104

W.A. Mozart

Leoš Janáček
Sonata 1 X 1905 “Dalla Strada”
Il presentimento
La morte

Dario Emanuele Aricò
Parafrasi sulla “Norma” di Vincenzo Bellini

Dario Emanuele Aricò

Pianista, ha iniziato gli studi musicali con la Prof.ssa Italia Altavilla Soraci. Si è diplomato in Pianoforte presso il Conservatorio “Francesco Cilea” di Reggio Calabria e si è laureato in Discipline Musicali presso l’Istituto Bellini di Catania col massimo dei voti, sotto la guida del Maestro Giuseppe Cultrera; ha proseguito gli studi presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma conseguendo brillantemente il Diploma Triennale di alto perfezionamento pianistico sotto la guida del M° Sergio Perticaroli. Alla sua formazione musicale hanno inoltre contribuito gli incontri con musicisti di fama internazionale: Antonio Ballista, Hugues Leclère, Siavouch Gadjiev e Michele Marvulli. Ha debuttato all’età di sei anni presso un’emittente televisiva. Ha partecipato a numerosi concorsi pianistici nazionali ed internazionali classificandosi sempre vincitore assoluto, premiato da maestri di fama internazionale come Anna Rosa Taddei, Irma Ravinale, Francois Joel Thiollier, Massimo Bertucci, Sergio Perticaroli, Elliot Fisk, Carla Giudici, Giuseppe Scotese, Pier Narciso Masi, ecc.. Dal primo concorso vinto, sino alle ultime competizioni internazionali come il prestigioso concorso “Seiler”, ottiene, oltre al primo piazzamento, numerose borse di studio, e menzioni speciali come “Pianista Virtuoso” e miglior esecutore del repertorio lisztiano. Si esibisce da solista con l’Orchestra dell’Opera di Craiova (Romania), con l’Orchestra dell’ERSU di Catania, con la St. Mary Orchestra (USA), con l’Orchestra da Camera Siciliana ed in formazioni cameristiche, collaborando con la cantante lirica statunitense Thea Burke, e riscuotendo unanimi consensi di pubblico e di critica. Si esibisce in recital pianistici presso importanti teatri nazionali come il Politeama di Palermo, il Goldoni di Livorno, il Garibaldi di Enna, il Metropolitan e il Sangiorgi di Catania, e presso importanti Auditorium, come il Parco della Musica di Roma, il Mozarteum di Salisburgo, il Vincenzo Bellini di Catania e di Palermo, l’auditorium R. Del Corona di Livorno, il Teatro “Donnafugata” di Ragusa Ibla, ecc. All’estero si esibisce in Austria (Vienna e Salisburgo), in Germania a Kitzingen, Francoforte (Festival Seiler), a Lindau (Bodensee), negli Stati Uniti. Si esibisce per Associazioni ed Enti prestigiosi: per la S.C.A.M., per l’A.Gi.Mus, per la Telecom, per l’Associazione “Amici della Musica”, per l’Aviazione Italiana, per il Lions Club, per il Circolo Unione; per l’Ass. Dino Ciani, per la Società Dante Alighieri, per l’ERSU, per l’Ass. Musicale Miroir, per l’Ass. Culturale Il Tempietto, per l’Ass. Musicale Etnea, per l’Ass. Musicale “E. Granados”, per la F.I.D.A.P.A., per l’Ass. LiberArte, per la Marina Militare Statunitense, per la Cappella Musicale “Mater Puritatis”, ecc…

Dal 2007 collabora con il teatro Massimo Bellini di Catania in veste di pianista e didatta, curando la realizzazione musicale della stagione lirico-teatrale “PiccolaOpera”. All’attività di pianista affianca quella di docente e di compositore. Ha scritto le colonne sonore delle opere teatrali: “Uomini di fine millennio”, “Prometeo”, “Don Candeloro il puparo”. Attualmente è impegnato in più settori: svolge attività concertistica, insegna Pianoforte Principale presso il Conservatorio “A. Corelli” di Messina e viene invitato in qualità di commissario nelle giurie di importanti concorsi nazionali ed internazionali. Molti dei suoi allievi si sono già distinti in competizioni nazionali (come il Premio Venezia) e internazionali, vincendo importanti premi, borse di studio e menzioni speciali.

Hanno detto di lui:

…Aricò non è interprete di usuale caratura né tanto meno del “tutto e per tutto…a tutti i costi”… La capacità di permeare con gusto, l’assoluta padronanza concettuale e stilistica, senza peraltro deformare di un’unghia l’idioma che suffraga ogni brano eseguito, è invece la cifra che rende speciale questo pianista (Paolo Sanfilippo)

…Ci sono due tratti che contraddistinguono il pianista catanese Dario Emanuele Aricò. Il primo è un porgere di assoluta naturalezza esecutiva che sembra quasi identificarlo col suo strumento; il secondo è una lucida e approfondita qualità del suono… (Anna Rita Fontana)

…un musicista che è anche “pittore, filosofo, psicologo”. Sotto le sue mani si dispongono quadri di variegata e raffinata pittura musicale, si esprime un’arte pianistica di sconvolgente naturalezza e bravura, senza che nulla sia tolto alle sua capacità “freudiana” di trasferire privo di macchinazione il vero ego della partitura… (Katia Teri).